Abbiamo proposto nel mese di giugno del 2019 un breve questionario sul tema dell’igiene intima attraverso il sito di AIV onlus e la pagina professionale su facebook del dott. Murina: hanno risposto 64 donne.

Dalle risposte ottenute, risulta che circa il 72% acquista prodotti suggeriti da figure sanitarie e di queste quasi l’80% si fa consigliare dal ginecologo.

Il 69% acquista i prodotti per l’igiene intima in farmacia, contro un 23% che acquista al supermercato.

Il criterio di scelta è per lo più orientato dal consiglio del medico (61%) oppure prevale la notorietà della marca (20%) anche se nessuno cita la pubblicità come motivo della scelta.

L’aspetto in assoluto più valutato per scegliere è il ph (78%) seguito dalla presenza di ingredienti il più possibile naturali (12%).

Il 73% del campione ha cambiato prodotto nel corso della vita e nella quasi metà dei casi (49%) questo si è verificato per un problema di irritazione, bruciore o fastidio.

Il 58% del campione ha suggerito ad altri il prodotto utilizzato: il 70% ad amiche e il 46% a parenti (mamme, figlie, sorelle e mariti).

Alcuni spunti di riflessione:
tutti sembrano conoscere l’importanza del ph nella formulazione di un prodotto;

sebbene il 78% riceva consigli da figure sanitarie, il passaparola è molto diffuso (58%);

molte donne si trovano a variare prodotto nel corso della vita, sia in occasione di passaggi legati all’età (come l’arrivo della menopausa), sia in caso di problematiche più o meno transitorie (episodi di cistite o diagnosi di altre patologie).

Come scegliamo i prodotti per l’igiene intima?